PNRR: il sistema di gestione, focus su rendicontazione e controllo

Corso aggiornato con le indicazioni operative della Ragioneria Generale dello Stato sull’attuazione degli investimenti PNRR



Costo iscrizione*

€ 295 + IVA (€ 359,90 IVA inclusa)

Codici MEPA:

  • Acquisto singolo: PNRR2024REND
  • Acquisto multiplo: PNRR2024RENDX

Hanno frequentato i nostri corsi:

Il Sistema di gestione e controllo del Piano Nazionale Ripresa e Resilienza con focus specifico sulla rendicontazione e controllo

Il PNRR costituisce il più importante strumento del pacchetto Next generation EU e rappresenta senza dubbio uno strumento altamente innovativo essendo la prima volta che l’Unione Europea prevede un Programma che non è legato ai processi di spesa, ossia alla rendicontazione alla Commissione Europea di spese sostenute e dei costi esposti per l’ottenimento del relativo e proporzionale rimborso, ma solo al soddisfacente conseguimento di obiettivi e traguardi ben definiti, da realizzare in tempi certi: la rendicontazione finale dell’ultimo gruppo di milestone e target è prevista al primo semestre 2026.

Il meccanismo di rendicontazione costituisce la principale differenziazione rispetto ai Fondi strutturali europei per le politiche di coesione che, cristallizzati ormai in diversi cicli di programmazione settennale, ci restituiscono un impianto di regole gestionali che hanno di fatto cambiato e standardizzato per alcuni versi il nostro modo di attuare i progetti comunitari e non solo.

Nell’ambito del PNRR, infatti, in base a quanto disposto dall’art. 22 del regolamento (UE) 2021/241, gli Stati membri, pur potendo fare affidamento sui loro normali sistemi nazionali di gestione del bilancio, nell’attuare il dispositivo, in qualità di beneficiari o mutuatari di fondi a titolo dello stesso, sono tenuti ad adottare tutte le opportune misure per tutelare gli interessi finanziari dell’Unione per garantire che l’utilizzo dei fondi, in relazione alle misure sostenute dal dispositivo, sia conforme al diritto dell’Unione e nazionale applicabile, in particolare per quanto riguarda la prevenzione, l’individuazione e la rettifica delle frodi, dei casi di corruzione e dei conflitti di interessi e doppio finanziamento.

L’Italia ha definito un articolato sistema di rendicontazione e controllo dei progetti PNRR. Le regole operative traggono spesso ispirazione dal mondo dei fondi strutturali ma aggiungono livelli di differenziazione che è necessario conoscere ed applicare per evitare rischi finanziari connessi al mancato riconoscimento di spese sostenute o ancora impatti sugli obiettivi intermedi e/o finali.

Lo scopo di questo corso è quello di fornire indicazioni per lo svolgimento delle principali compiti e responsabilità di pertinenza e descrivere le regole di ammissibilità della spesa ed i processi e le procedure di rendicontazione e controllo previste per garantire il principio della sana gestione finanziaria nell’attuazione dei progetti finanziati dal PNRR.

Il Corso si rivolge a: policy maker, Amministratori Pubblici, funzionari e tecnici che operano nel campo dell’attuazione dei progetti PNRR, oltre che a professionisti, funzionari di enti ed organizzazioni pubbliche e private, consulenti, imprenditori, responsabili strategie e project manager.

La partecipazione al corso di formazione prevede, su richiesta, il rilascio dell’ attestato di partecipazione.

Slides predisposte dal docente ed ampia selezione di specifici materiali di documentazione, ricerca e fonti informative su bandi e programmi.

Programma

24 giugno 2024 dalle ore 14.00 alle ore 17.00

La governance e l’attuazione di un Progetto PNRR ed i criteri di ammissibilità

  • La governance del PNRR ed il sistema di gestione e controllo del PNRR aggiornato al decreto-legge 13/2023
  • Perché il PNRR è un programma “performance based”?
  • Gli impegni e responsabilità di un soggetto attuatore, beneficiario di un progetto PNRR
  • I principi generali in tema di ammissibilità della spesa
  • La spesa del personale
  • Le spese di assistenza tecnica (non ammissibili) e quelle di supporto tecnico operativo (ammissibili)
  • Le opzioni di costo semplificato
  • Domande/risposte

27 giugno 2024 dalle ore 14.00 alle ore 17.00

La rendicontazione e controllo nel PNRR

  • Il Flusso di rimborso comunitario nel PNRR
  • Gli step di rendicontazione ed il flusso procedurale
  • I controlli ex ante sul conflitto di interesse e doppio finanziamento
  • Focus sulla verifica sul doppio finanziamento (il doppio finanziamento cd di “performance”)
  • Controlli in itinere/ex post
  • Le politiche antifrode nel PNRR: meccanismi e processi
  • PNRR e fondi strutturali: punti di contatto e differenze
  • Domande/risposte

Iscrizioni Aperte!

Scopri le principali novità sul PNRR e modalità attuative! Iscriviti subito!

Costo iscrizione*

€ 295 + IVA (€ 359,90 IVA inclusa)

Paga in 3 rate senza interessi con PayPal*

Richiedi informazioni

"*" indica i campi obbligatori

Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

I docenti

Giorgio Centurelli

PROGRAMME MANAGER E AUDITOR - ESPERTO PNRR E COESIONE

Programme manager e auditor, esperienza ultraventennale nelle politiche comunitarie e di coesione, con particolare riferimento ai temi di gestione, controllo, antifrode, monitoraggio e rendicontazione ed al rafforzamento della capacità amministrativa e digitalizzazione della PA. Responsabile di progetti cofinanziati con risorse UE. Esperto di chiara fama comunitaria e nazionale sulle politiche di coesione e sul Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), docente anche in Master Universitari ed organismi internazionali (EIPA), relatore e autore di numerosi articoli, saggi e monografie in materia anche in lingua inglese. Già componente dal 2020 del team del Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF) per l’elaborazione e approvazione del PNRR e la definizione dei processi di gestione, controllo e Dirigente dell’Ufficio di Coordinamento attuazione PNRR del Servizio Centrale PNRR-MEF, attualmente Direttore Generale della Direzione generale Gestione finanziaria, monitoraggio, rendicontazione e controllo del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica (MASE).

Carrello